mercoledì 16 luglio 2014

Cartamodello base per una gonna

Non tutti sanno che sono anche una diplomata modellista...la modellista sarebbe quella figura professionale che dal disegno di uno stilista ne deve ricavare uno stampo o cartamodello che poi passa al confezionamento.
Tempo fa stavo in un forum dove una ragazza aveva manifestato il desiderio di farsi una gonna da sola così avevo fatto un tutorial dove mostravo come fare una gonna svasata e dallo stesso cartamodello, con alcuni piccoli accorgimenti, si potevano ricavare svariati tipi di gonne, dalla gonna dritta a quella a tubo oppure con balze.
Il forum ormai è chiuso da tempo e io lo avevo dimenticato in una cartella insieme ad altri, compreso uno per pantoloni che più avanti pubblicherò, ora avendo la necessità di  formattare il pc, mi sono messa a fare una pulizia ed eccoli che me li sono ritrovati.
Li per li, pensavo quasi di cestinarli, ma poi mi sono detta che forse potrebbe essere utile per qualcuno a cui piace l'idea di provare a cucirsi qualcosa da sola, magari un po' per contrastare la crisi, un po' per avere l'orgoglio di dire ..." me lo sono fatto da sola"....vi garantisco che è molto semplice più di quello che potrebbe sembrare a vederlo a prima vista .
Questo tutorial indica solo come realizzare il cartamodello su misura evitando di andare a comprare i cartamodelli già pronti che però spesso devono essere adattati alle nostre esigenze e misure o come spesso capita molte di noi sono costrette a comprarne due, uno con una misura per il corpetto e uno più grande per i fianchi.
Ci sono molti metodi per imparare a realizzare dei cartamodelli e sono tutti molto validi, questo è solo quello che utilizzo io.
In questo post voglio iniziare con il cartamodello di una gonna base, da dove poi nei successivi tutorial vedremo come con alcune semplici modifiche si può trasformare il nostro modello in altri stili.
In futuro pensavo di fare anche un tutorial per vedere come si fa il confezionamento di una gonna, ma intanto vi va di provare?
 Gonna base



Materiale occorrente:

fogli di carta da sarta, ( io la trovo anche in edicola)
stecca lunga + squadra,
matita rossa
matita blu,
metro a nastro da sarta,
calcolatrice (facoltativo).

Inoltre occorrono le vostre misure di circonferenza vita, la circonferenza fianchi, la vostra altezza  e la lunghezza della gonna che vorrete realizzare.
Vi inserisco questo figurino realizzato da me (e si vede!! Non me ne vogliano chi sa disegnare veramente bene) che potete scaricare ed usare per scrivere le vostre misure.
Nel figurino si può vedere dove prendere le varie misure, ricordate che per le misure dei fianchi il metro deve essere posizionato nella  parte più larga dei fianchi, quella che passa dalla punte dei glutei alla prominenza maggiore delle cosce e negli spazi affianco potete inserire le vostre misure.



 Iniziamo con il disegnare il cartamodello di una gonna base dal quale poi svilupperemmo la gonna svasata, userò la matita rossa per realizzare il davanti mentre userò una blu per il dietro, nell’esempio che farò userò delle misure abbondanti.
Per qualcuno che avesse questo tipo di figura mediterranea, potrebbe essere necessario fare delle modifiche sul cartamodello base e in questo modo potrò indicarle più facilmente, le misure che userò saranno circonferenza vita 84 cm, circ. fianchi 120 cm, altezza 165 cm , voi ovviamente userete le vostre misure.

Di solito i fogli di carta da sarta sono grandi quindi vi consiglio di piegarlo a metà, in un lato disegnerete il davanti, nell’altro il dietro.
Iniziamo con il disegnare sulla sinistra del foglio la quadratura usando una squadra e una stecca: segniamo una linea verticale, sarà il nostro centro davanti e una in perpendicolare, in orizzontale, creando un angolo a 90°.


Contrassegniamo le nostre due linee con le lettere in verticale A – B e l’orizzontale A – C.
Ora nella linea verticale, segniamo la lunghezza gonna, io ho scelto di realizzare una gonna sotto il ginocchio cioè di 60 cm, voi  deciderete se vi serve più lunga o più corta  e riportiamo questa misura sulla linea verticale A - B.
Adesso sulla linea orizzontale A - C andiamo a segnare il nostro punto vita.
Il punto vita si calcola : ¼ circonferenza vita + 2 cioè con un esempio pratico, usando una circonferenza vita di 84 cm dovrò fare

84 : 4 = 21 + 2 = 23
(voi sostituite con le vostre misure)

il risultato è la nostra misura per il punto vita, lo segniamo sulla nostra linea orizzontale partendo dal punto A che contrassegneremo con la lettera D.
Ora troviamo la posizione bacino, essa corrisponde ad 1/10 della nostra altezza con un esempio pratico: se io sono alta 165 cm significa che la mia misura per la posizione bacino e cm 16.5 che andremmo  a segnare sulla linea A – B partendo sempre dal punto A.
Questo è per una figura normolinea, ma nel caso di una figura mediterranea con i fianchi molto più larghi della vita per trovare la giusta posizione bacino si dovrebbe fare una variazione ovvero:
Se io ho una circonferenza di vita 84 e una circ.bacino da 120 e mantengo lo stesso calcolo di una figura normolinea mi potrei ritrovare con un punto bacino molto più corto del mio e quindi la gonna mi starebbe male.
Come vediamo in questo caso, c’è una grande differenza tra la circ. vita e circ. bacino, ci sono 36 cm di differenza tra le due misure, quando ci sono differenze maggiori di 25 – 26 cm, si potrebbe creare la necessità di aggiungere dei cm alla nostra misura per trovare l'esatta posizione bacino, a questo punto vi consiglio di fare un controllo, con un metro da sarta, prendetevi la misura che va dal livello vita (vedi nel figurino il tratteggio in rosso) a quello del bacino (nel figurino il tratteggio in blu) cioè nel fianco, dove  la sporgenza delle cosce è maggiore.
Prendendomi la misura, a me da 22.5 cm quindi al mio 1/10 dell’altezza aggiungerò i 6 cm mancanti ad arrivare ai 22.5.

Ovvero:
165 (mia altezza) :10 (1/10 dell'altezza)  = 16.5 + 6 (corrispondenti ai cm mancanti per arrivare al punto più sporgente della mia coscia) = 22.5 (questo è la misura che io segnerò sul mio cartamodello da dove partirà la posizione bacino).

Ora segniamo la nostra misura sulla verticale A – B (nel mio caso 22.5) e abbiamo trovato la posizione bacino che segneremo con la lettera E.
Ora, mettendo la stecca o la squadra  a 90° gradi tiriamo la linea bacino usando la misura corrispondente ad ¼ della circonferenza fianchi + 2, in pratica:
120 (misura fianchi) : 4 = 30 + 2 = 32 e abbiamo il punto F.
Rimettiamo la stecca o la squadra a 90° e riportiamo la stessa misura della linea bacino anche sul fondo, ovvero sulla lunghezza totale della gonna contrassegnata dalla lettera B e segniamo il punto G.


Tiriamo una linea che unisca il punto F al punto G e uniamo con una linea tratteggiata il punto D al punto F


Ora andiamo a lavorare sulla vita, dobbiamo fare le riprese.
Segnate la metà tra A e D  e ora in questo punto faremo una ripresa di 3 cm, con una squadra tirate  una linea verticale  lunga 9 cm poi segnate cm 1.5 a sinistra della linea e cm1.5  e tirate  una linea obliqua in modo di congiungere tutte e tre le linee in un unico punto e abbiamo la nostra ripresa.
A questo punto dobbiamo aggiungere al fianco il compenso pari ai 3 cm della ripresa e tiriamo a mano libera la linea curva del fianco (seconda figura sotto)



Qui si potrebbe presentare la necessità di fare una modifica che però non a tutti piace, io ve la inserisco poi sta a voi decidere se farla oppure no.
A volte per chi ha molta differenza tra vita e fianchi, per avere una migliore vestibilità e piuttosto di fare una singola ripresa molto profonda, si diluisce in due riprese da 2 cm ognuna in questo modo: trovate la metà tra A e D, spostatevi di 3 cm verso A e segnate con un punto, ora con la squadra tirate una linea in verticale di 9 cm, segnate un punto ad 1 cm a sinistra e 1 cm a destra della linea della ripresa, disegnate le due linee oblique come spiegato per la ripresa in precedenza, allo stesso modo fate anche la seconda ripresa a 3 cm dalla metà A –D  verso destra, aggiungete sul fianco il compenso pari ai 4 cm delle riprese e tirate a mano libera la linea curva del fianco.


Ora sul fianco ci alziamo di  cm 0.5 e tiriamo la nuova linea della vita, partendo dalla metà A – D e chiudendo al fianco come ho segnato con la penna verde e con questo passaggio il davanti del cartamodello base è terminato.


Ora passiamo al cartamodello del dietro della nostra gonna

Per il dietro con la matita blu, disegniamo la quadratura questa volta sulla destra del foglio, prima una linea verticale e poi quella in orizzontale ad angolo di 90°


Come per il davanti sulla linea verticale, segniamo la lunghezza gonna, creando il punto A – B, sulla linea orizzontale che chiamiamo A – C, partendo sempre da A, segniamo ¼ di circonferenza vita ma questa volta – 2 quindi con un esempio pratico
84 : 4 = 21 – 2 = 19 e lo riportiamo sulla linea orizzontale A – C.
Ora come per il davanti, troviamo la posizione bacino, le misure saranno le stesse del davanti, nel mio caso cm 22.5, con la squadra, tiriamo la linea del bacino, usando ¼ della circonferenza fianchi – 2  cioè  120 : 4 = 30 – 2 =  28  e creiamo la linea bacino che denominiamo  E – F, riportiamo la stessa misura sul fondo creando la linea B – G, ora con una linea verticale, uniamo i punti F – G e con una linea tratteggiata, unite il punto vita ad F.


Sulla foto ho fatto un errore non dovrebbe essere scritto centro davanti ma centro dietro.

Ora disegniamo la ripresa: troviamo la metà tra A e il punto vita con la squadra disegniamo una linea verticale di 14 cm, ora segniamo un punto a 2 cm dalla metà e ripetiamo la stessa cosa a 2 cm verso destra, uniamo questi punti tirando delle linee oblique creando la ripresa, ora mettiamo il compenso di 4 cm  pari ai 4 cm della ripresa, sul fianco e tiriamo a mano libera la linea curva del fianco.


Ci alziamo di cm 0.5 sul fianco e ci abbassiamo di cm 0.5 sulla linea del centro dietro sotto il punto A, con una linea uniamo il punto A alla metà e il nuovo punto sul fianco sempre a metà come nel disegno in verde.
Abbiamo finito anche la base dietro.


Ora non resta che appoggiarlo su tessuto piegato in doppio e prepararlo per il taglio, ma per chi non ha mai cucito questo lo spiegherò successivamente come si fa.
Spero che tutti questi calcoli non vi abbiano spaventato e che questo tutorial si possa rivelare utile.
A breve, cercherò anche di trasformarlo in PDF in modo che per chi desidera, lo possa anche scaricare.

Ecco la versione scaricabile in PDF

Un abbraccio

Anna


29 commenti:

  1. sei stata chiarissima!!!!!!! brava brava brava e mille grazie!!!! un abbraccio grande Lory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lory, il sapere di essere stata chiara è uno dei migliori commenti che possa ricevere, non sempre è facile spiegare tutti i passaggi senza dimostrazioni dal vero, ma se lo hai trovato chiaro vuol dire che ci sono riuscita!

      Elimina
  2. sei precisissima!!! grazie per questo tutorial!!!
    ciao e piacere di conoscerti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marosa, come ho risposto a Lory per me è importante sapere che i miei tutorial sono ben spiegati e chiari, purtroppo spesso ho il timore di non riuscire ad esserlo.
      Anche per me è un piacere conoscerti!

      Elimina
  3. Mi hai fatto tornare indietro con la memoria, a quando andavo a scuola di taglio e cucito.
    Non ti dico quante ne ho fatte di queste gonne base!
    Ciao
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura e Oksana...ehehehe sono la base di tutte le scuole e fino a che non le avevi imparate ne dovevi fare, pensandoci a distanza di anni però, mi manca quel periodo!

      Elimina
  4. Ciao Anna, trovo molto interessante e utile questo tuo post anche se non ho l'abitudine d'indossare gonne... Aspetterò i pantaloni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria, mi fa piacere che lo trovi utile ed interessante, pensa che anch'io uso quasi esclusivamente pantaloni...prima o poi riuscirò a terminarlo!

      Elimina
  5. Ciao Anna, grazie per esserti iscritta al giveaway.
    In bocca al lupo.
    Stefy

    RispondiElimina
  6. Grazie Anna spiegazione chiarissima, ne ho fatta una a mia figlia non tanto tempo fa e sono andata a occhio....salvo x altre occasioni.glo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che la spiegazione sia chiara, ho aggiunto anche la versione scaricabile.

      Elimina
  7. Interessante e carino il tuo blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosarita, felice di ritrovarti qui, sei la benvenuta!

      Elimina
  8. Ciao grazie di cuore per essere passata sul mio blog!!è un piacere conoscerti!!Grazie mille per avermi dato il nome della pianta così adesso posso capire come tenerla e curarla!!Sei brava molto bello il tuo blog!!Utilissimo il tuo insegnamento di cucito...hai rispolverato i miei ricordi avevo fatto molti anni fa un piccolo corso!!Buon fine settimana!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato un piacere anche per me conoscerti, spero che la tua piantina sia più fortunata della mia, grazie per essere passata.
      Buona settimana!

      Elimina
  9. Grazie, perchè adoro cucirmi le gonne, anche se solo i modelli lunghi!
    Sono abbastanza in carne e preferisco coprire il superfluo.
    Copierò il tuo post, se non ti spiace, per avere delle dritte.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai pure, anzi... in fondo al post ho inserito la versione in PDF basta che ci clicchi sopra e te lo puoi scaricare e stampare velocemente.
      Se riesco nei prossimi giorni, provo ad inserire una variante delle gonna base modificata, adatta per gonne un po' più lunghe e morbide.

      Elimina
  10. Mi hai fatto tornare indietro nel tempo! Ho fatto anche io un corso di taglio e cucito: all'epoca avevo imparato a fare i modelli di gonne, camicie, pantaloni...se non ritrovo i libri...non ricordo più nulla :-(((
    Tu sei brava, precisa e chiara nelle spiegazioni.
    A presto,
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tante Elisa!! A dire il vero, non cucio più molto nemmeno io, un po' perchè ora le passioni sono diverse, un po' per....mille altri motivi, ma l'aver pubblicato questo post mi ha fatto tornare indietro anche a me di tanti anni e devo dire che un po' mi sono accorta che mi mancava.

      Elimina
  11. Wow complimenti! Se molto di aiuto grande! Sono passata a ricambiare giustamente! complimenti di nuovo! Ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vanessa, mi fa un gran piacere sapere di essere stata di grande aiuto, sei la benvenuta!

      Elimina
  12. Grazie di essere passata da me, è molto carino il tuo blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Autilia, sei la benvenuta!

      Elimina
  13. Ciao Anna, mi sono aggiunta tra i follower di entrambi i tuoi blog :) grazie per essere passata da me, e complimentissimi per la tua creatività! A presto :) :) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Ellen, sei la benvenuta!

      Elimina
  14. Interessante, grazie per condividere! Come posso aggiungere il cinturino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara, per il cinturino, devi tagliare una striscia di tessuto lunga quanto la tua circonferenza vita + 5 cm per la bottonatura e 2 cm per il margine di cucitura, la striscia deve essere alta il doppio dell'altezza che vuoi che sia il tuo cinturino una volta finito + 2 cmm di margine di cucitura...cercando di rendere il tutto più comprensibile faccio un esempio: ipotizziamo che la tua circonferenza vita misuri 100 cm aggiungi 5 cm per la bottonatura + 2 cm come margine di cucitura, quindi come totale la lunghezza della striscia di tessuto dovrà essere di circa 107 cm mentre per l'altezza dipende da quanto lo vuoi alto, prendiamo ad esempio che tu voglia un cinturino alto 3 cm, la tua striscia dovrà essere di 6 cm + 2 cm di margine di cucitura, alla fine la tua striscia di tessuto dovrà essere di 107 cm di lunghezza per 8 cm di altezza...spero di essere riuscita a spiegarmi a parole.

      Elimina